Something New is Coming Soon...

RASSEGNA STAMPA

“LA STAMPA” venerdì 10 giugno 2016

“TUTTOSPORT” inserto inTorino di giugno 21016

SPORTORINO lunedì 13 giugno 2016

“NPRUGBY ” mercoledì 15 giugno 2016

RUGBYNEWS del 15 giugno 2016 (riporta parte dell’articolo di NPRUGBY)

EVRA

LA STAMPA
Dal 10 al 12 “Torino Rugby Festival” all’Albonico
LASTAMAPSi svolge al centro sportivo Angelo Albonico in strada del Barocchio 27 a Grugliasco la prima edizione del «Torino Rugby Festival». Nei tre giorni dedicati alla palla ovale da venerdì 10 a domenica 12 giugno, si scontrano le categorie Rugby 7 Man, Rugby 7 woman (che giocano su metà campo), Old Rugby over 35 e Old Rugby over 50. Venerdì 10 s’inizia con un’ apericena offerto dall’organizzazione seguito dal concerto «live» dei The Panel Beaters, gruppo rock anni ’80-’90 e da musica a ruota libera con dj. Sabato le partite di susseguono dalle 10. Si parte con le squadre Old maschile e femminile che giocano su tre campi.
I due tornei Seven prevedono gironi di qualificazione, semifinali e finali, mentre gli Old disputano dei gironi con 3 match a testa ma senza una classifica finale (ogni club riceve una palla serigrafata per la sua presenza). Alla sera musica dal vivo con i RadioReset, una tribute band dei Negrita.
La domenica è riservata alle categorie dei settori Propaganda, Under 6, Under 8, Under 10 e Under 12 con le partite eliminatorie dalle 10 alle 13 e, dopo pranzo, le finali intorno alle 14,30-15. Sono iscritte 11 squadre «Old» di Over 35 (Highlanders Zer011, Sesto Fiorentino, Mercenari Rivoli, Passatelli Old Rugby Ravenna, Barberans Vino e Rugby, Mosquito Rugby, Allupins Prato Old Rugby, Falchetti della Brianza – Old Seregno Rugby, Thaka’tani Asti Rugby Club, Old Chieri Rugby, Orche Recco Rugby Old) e 3 di Over 50 (Eminenze Grigie, Rovigo e Capitolina), sei compagini Seven maschili (VII Rugby Torino, Collegno, Rugby Novi, Volvera Rugby, Drola Rugby, Rugby San Mauro), quattro femminili (Rugby Novi, Rugby San Mauro, Arlequeens One e Arlequeens Two) e otto società che partecipano al torneo del settore Propaganda (Amatori Rugby Oleggio, Rugby Novi, Volvera Rugby, VII Rugby Torino, Drola Junior, Rugby San Mauro, Rugby Sant’Andrea Vercelli e Cus Ad Maiora Rugby 1951).
Il comitato organizzatore è composto da Valentino Savio, Nicola Catalfamo, Lorenzo Genovese e Capa. L’ ingresso è gratuito. Informazioni sul sito www.torinorugbyfestival.it

NPRUGBY
nprÈ stata un successo la prima edizione del “Torino Rugby Festival”, che ha regalato tre giorni di divertimento con la palla ovale agli appassionati. Sede dell’evento, organizzato dal comitato composto da Valentino Savio, Nicola Catalfamo, Lorenzo Genovese e Paolo Guidi, in collaborazione con gli Highlander Zer011, gli Old di Torino, è stato il centro sportivo Angelo Albonico di Grugliasco.
A proposito di Old , ieri hanno partecipato 11 squadre Old di Over 35 (Highlanders Zer011, Sesto Fiorentino, Mercenari Rivoli, Passatelli Old Rugby Ravenna, Barberans Vino e Rugby, Mosquito Rugby, Allupins Prato Old Rugby, Falchetti della Brianza – Old Seregno Rugby, Thaka’tani Asti Rugby Club, Old Chieri Rugby e Orche Recco Rugby Old) e 3 di Over 50 (Eminenze Grigie, Rovigo e Capitolina). L’obiettivo principale è stato quello di ritrovarsi e confrontarsi, senza dare troppo peso ai risultati. Non c’è stata infatti una classifica e non si è svolta la premiazione.
Nel Seven maschile si è imposto il VII Rugby sulla Drola e per la prima volta i detenuti hanno avuto un permesso speciale fino alle ore 21 per giocare all’esterno della Casa Circondariale Lorusso e Cutugno. Terzo si è classificato il Volvera. Nel Seven femminile i quattro team presenti si sono sfidati in un girone. Le ragazze dell’Ad Maiora Rugby 1951 hanno allestito due compagini e le Arlequeens Two hanno preceduto le Arlequeens One. Terzo il San Mauro e quarto il Novi. Oggi sono entrati in scena i tornei del Settore Propaganda delle categorie Under 8, Under 10 e Under 12 e c’erano anche tre squadre di Under 6. Il CUS Ad Maiora Rugby 1951 ha conquistato il primo e il secondo posto nell’Under 8 e nell’Under 12 e il primo e il terzo nell’Under 10. Premi per tutti e bellissimo weekend trascorso all’insegna dei valori del rugby: sostegno, amicizia, rispetto e integrazione.
«Abbiamo avuto una buona cornice di pubblico – racconta Nicola Catalfamo – fin dalla serata inaugurale di venerdì a suon di musica rock e, anche in occasione del violento temporale di ieri, lo spirito vincente del rugby ha avuto il sopravvento. Come tutte le manifestazioni all’esordio, ci sono certamente degli aspetti da migliorare, ma una cosa è certa: il “Torino Rugby Festival” è un marchio, e non un appuntamento una tantum, e abbiamo tutta l’intenzione di farlo crescere nel tempo. Abbiamo avuto dei bei riscontri e in molti si sono prodigati per darci una mano. Si tratta di un forte sentimento comune, che ci fa essere ottimisti sul futuro del Festival».

SPORTORINO
È stata un successo la prima edizione del “Torino Rugby Festival“, che ha regalato tre giorni di divertimento con la palla ovale agli appassionati. Sede dell’evento, organizzato dal comitato composto da Valentino Savio, Nicola Catalfamo, Lorenzo Genovese e Paolo Guidi, in collaborazione con gli Highlander Zer011, gli Old di Torino, è stato il centro sportivo Angelo Albonico di Grugliasco. A proposito di Old , all’appuntamento hanno partecipato 11 squadre Old di Over 35 (Highlanders Zer011, Sesto Fiorentino, Mercenari Rivoli, Passatelli Old Rugby Ravenna, Barberans Vino e Rugby, Mosquito Rugby, Allupins Prato Old Rugby, Falchetti della Brianza – Old Seregno Rugby, Thaka’tani Asti Rugby Club, Old Chieri Rugby e Orche Recco Rugby Old) e 3 di Over 50 (Eminenze Grigie, Rovigo e Capitolina). L’obiettivo principale è stato quello di ritrovarsi e confrontarsi, senza dare troppo peso ai risultati. Non c’è stata infatti una classifica e non si è svolta la premiazione.
CONTINUA A LEGGERE

SPORTORINO
Torino Rugby Festival – Sold out già dalla prima edizione
Dal TFF per gli amanti del cinema al TRF per gli appassionati di palla ovale! Torino si prepara a tre giorni di rugby allo stato puro con la prima edizione del Torino Rugby Festival in programma dal 10 al 12 giugno 2016 presso l’impianto Albonico di Grugliasco. 21 squadre in gara suddivise in cinque categorie, 3 compagini nella Old over 50, undici squadre Old over 35, 6 squadre Seven maschile, 4 di Seven femminile e 8 squadre della Propaganda. Sold out già dalla prima edizione – Il TRF ha raccolto in pochi mesi l’adesione e l’interesse di molte società da tutta Italia, con numeri ben al di sopra delle aspettative. Partite, incontri e musica dal vivo, con la possibilità di usufruire del free camping all’interno dell’impianto, o di appoggiarsi alle numerose strutture convenzionatesi in occasione dell’evento.
Fortemente voluto in primis da Valentino Savio, attivo negli Old, il Torino Rugby Festival è stato il frutto di una stretta collaborazione di giocatori Highlander 011, del Club Di San Mauro e del Cus Torino. “Torino aveva bisogno di un evento rugbystico tutto suo, – ha esordito Savio – era un desiderio che condividevamo tutti noi giocatori Old. Il Nord-Ovest reclamava uno spazio dedicato a questo sport che rappresenta una passione che va ben oltre la partita e va oltre l’età limite per giocare in squadra. Il rugby è una metafora di vita: la lotta, il contatto, gli infortuni, la meta”….e anche di divertimento, come istituzionalmente previsto dal cd. terzo tempo, aspetto che ha sicuramente contribuito a rendere questa manifestazione appetibile per migliaia di visitatori, appassionati del rugby e curiosi. Nelle serate di venerdì e sabato musica dal vivo nella Club House Domus Tauri dell’impianto Albonico.
“Questo è solo il primo anno ma siamo convinti che questo evento crescerà in fretta – spiega Nicola Catalfamo del comitato organizzativo. “Abbiamo già raccolto alcune sponsorizzazioni importanti che ci hanno dato la possibilità di lavorare meglio nell’organizzazione delle facilities”. Domenica 12 Il TRF chiuderà con lo spazio dedicato alla Propaganda. Sono in programma nella mattinata le partite di U6, U8, U10 e 12. “Senza bambini non esiste il rugby, – ha infine aggiunto Catalano – è importante lasciare spazio alle nuove leve ed è per questo che l’iscrizione al torneo da parte della Propaganda è gratuita”.


This site is using the Seo Wizard Wordpress plugin created by Seo Uk